• Contatti: 3346988011 - 0564414339

Tasse acquisto prima casa: quali sono?

Tasse acquisto prima casa: quali sono?

Le tasse di acquisto sulla prima casa rappresentano una delle componenti principali cui prestare attenzione, quando si stanzia un budget complessivo che tenga conto di tutti i costi necessari.

Ad esempio, abbiamo già approfondito voci di spese importanti, come quelle relative alla parcella del notaio, alla provvigione da conferire all’agente immobiliare, oltre ai requisiti per ottenere il mutuo.

Quando si parla di tasse sulla casa non bisogna, quindi, considerare esclusivamente il prezzo di mercato, ma anche tutte le altre spese ritenute extra, ma che sono a tutti gli effetti necessarie per definire l’acquisto completo al 100%.

Ma a quanto ammontano le tasse sulla compravendita dell’immobile?

Scopriamolo insieme!

Imposte acquisto prima casa: quali sono

tassa acquisto prima casa tutte le info

Le imposte di acquisto sulla prima casa gravano esclusivamente sull’acquirente e variano a seconda che il venditore sia un utente privato o, al contrario, un costruttore.

Tasse acquisto prima casa da privato

Nel primo caso, tra le tasse sulla prima casa il compratore dovrà versare l’imposta:

  • ipotecaria fissa di 50 euro;
  • catastale fissa di 50 euro;
  • l’imposta di registro per acquisto prima casa, pari al 2% del valore catastale dell’immobile.

Cosa intendiamo con valore catastale?

Con questa espressione, ci riferiamo alla rendita catastale (es. 1000 euro), moltiplicata per il coefficiente fisso di 115,5.

In questo caso, dunque, moltiplichiamo 1.000 x 115,5 = 115.500, e in seguito calcoliamo la percentuale del 2% sul risultato ottenuto, che sarà pari a 2.310 euro.

In questo caso le tasse di acquisto di una prima casa presa da privato ammonteranno, per l’acquirente, a 2.410 euro.

Acquisto prima casa da costruttore

Passiamo adesso al caso di acquisto della prima casa direttamente da costruttore.

A differenza dei privati, le aziende sono soggette al versamento dell’IVA; tuttavia, con le agevolazioni l’IVA sulla prima casa, sarà ridotta al 4%.

Le restanti imposte di acquisto della prima casa da costruttore, invece, diventeranno fisse e saranno pari a 200 euro.

In questo caso, le tasse sull’acquisto di casa saranno le seguente:

  • imposta ipotecaria fissa di 200 euro;
  • catastale fissa di 200 euro;
  • di registro fissa di 200 euro;
  • IVA al 4% sul valore dell’immobile.

Nel caso di una prima casa da 100.000 euro, dunque, l’IVA sarà pari a 4.000.

Ad essa dovremo sommare 200 + 200 + 200 euro, per un totale di 4.600 euro di imposte.

Quando si versano le tasse sull’acquisto della prima casa

Prima di tutto, l’IVA va inserita tra le voci della fattura e versata direttamente al venditore.

Invece, le altre imposte devono essere versate al notaio, che provvederà al pagamento in veste di sostituto d’imposta.

tasse 2018 prima casa cosa sapere

Agevolazioni fiscali previste

Lo Stato Italiano prevede alcune agevolazioni sull’acquisto della prima casa, tuttavia bisogna prestare attenzione ai requisiti necessari per accedervi.

Può accedere alle detrazioni fiscali soltanto chi acquista un immobile nel:

  • proprio Comune di residenza;
  • Comune presso cui intende trasferirsi entro 18 mesi;
  • territorio presso cui svolge attività professionale (o sportiva / di studio);

Inoltre, per ottenere il bonus sulla prima casa, è necessario che l’immobile appartenga alle categorie catastali che ne permettono l’abitabilità, ovvero di tipo:

  • A/2, abitazioni di tipo civile;
  • A/3, abitazioni di tipo economico;
  • A/4, abitazioni di tipo popolare;
  • A/5, abitazioni di tipo ultra popolare;
  • A/6, abitazioni di tipo rurale;
  • A/7, abitazioni in villini;
  • A/11, abitazioni e alloggi tipici dei luoghi.

Sono, invece, escluse le categorie di abitazioni di tipo signorile (A/1), le abitazioni in ville (A/8) e le residenze di grande valore storico ed artistico (A/9), quali castelli e palazzi.

Conclusioni

Dopo questo nostro approfondimento sulle tasse di acquisto per la prima casa e sull’imposta di registro sulla prima casa, dovresti avere più chiaro che sono tante le cose da controllare prima di completare l’acquisto.

Invece di affidarsi a siti web per cercare casa, o per venderla online, è molto meglio affidarsi a chi conosce realmente il settore immobiliare.

A Grosseto la soluzione giusta c’è ed è rappresentata da CasaImmobiliare.

Abbiamo una reale conoscenza del territorio e di tutti i passaggi che devono essere eseguiti per portare a termine l’iter immobiliare nel migliore dei modi.

Scopri anche la nostra proposta di immobili in vendita presenti sul territorio maremmano (come la nostra selezione in città, al mare e in campagna).

Per un consulto sugli immobili disponibili in vendita a Grosseto, compila subito questo form.

In alternativa, contattaci telefonicamente, al 3346988011 o al 0564414339.

[]
1 Step 1
Cognome
0 /
Nome
0 /
Telefono
0 /
Messaggio
0 /
Privacy policy
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder
img

@casaimmo

Post correlati

Vendere un immobile ereditato: ecco come farlo al meglio

Motivazioni dietro la vendita di un immobile ereditato Documenti per vendita immobile...

Continua a leggere

Perizia immobiliare per mutuo

Perizia immobiliare: quando si rende necessaria Aspetti da valutare in una perizia...

Continua a leggere

Certificato di agibilità immobile: normativa, autocertificazione e mancanza

Normativa sul certificato di agibilità dell'immobile Certificato di agibilità...

Continua a leggere