• Contatti: 3346988011 - 0564414339

Conformità urbanistica ed edilizia di un immobile

Conformità urbanistica ed edilizia di un immobile

Cosa si intende con conformità urbanistica di un immobile?

mappa catastalePrima di vendere, acquistare o ristrutturare casa, è bene accertarsi che tutto si svolga in maniera corretta, per non rischiare di incappare, in seguito, in pesanti problematiche.

Il certificato di conformità urbanistica – o, per essere più precisi, la certificazione di conformità urbanistica – è un documento che attesta la corrispondenza tra l’immobile in questione e il titolo edilizio depositato in Comune, senza il quale non è possibile effettuare alcuna operazione. In altre parole, il certificato di conformità urbanistica dimostra, tramite un confronto diretto, la regolarità urbanistica dell’edificio, che dovrà essere identico, in tutte le sue parti, al progetto presentato e approvato presso il Comune di riferimento.

Tale documento, pertanto, stabilisce che non vi sono abusi edilizi e/o variazioni rispetto al progetto originario, dunque che l’edificazione e le eventuali successive modifiche (ampliamenti, restauri, ecc.) siano avvenute in conformità a quanto previsto dalla legge.

Senza il certificato di conformità urbanistica, non è possibile né ultimare la compravendita:   la mancanza del documento, infatti, potrebbe portare all’annullamento dell’atto notarile.

A cosa serve il certificato di conformità urbanistica

Come abbiamo visto, il certificato di conformità urbanistica è un documento che serve ad attestare la corrispondenza tra lo stato di fatto e il progetto presentato in Comune.

Tale documento è assolutamente necessario in tre casi, ovvero:

  1. Compravendita immobiliare, in quanto un immobile non autorizzato o non del tutto conforme al progetto presentato, secondo la Cassazione, non è commerciabile.
  2. Richiesta e sottoscrizione di un mutuo.
  3. Lavori di ristrutturazione e/o modifiche all’assetto originario dello stabile.

In particolare, se ti appresti ad acquistare o vendere un immobile, dovrai prima verificare che tutto sia in regola. In presenza di difformità tra la documentazione depositata in Comune e le attuali condizioni dell’immobile, infatti, spetta al venditore l’obbligo di sanare – ove possibile – gli eventuali abusi edilizi, aprendo un’apposita pratica di sanatoria.

Come si verifica la conformità urbanistica di un immobile

esempio regolarità urbanistica e catastaleLa verifica della conformità urbanistica di un immobile si effettua confrontando il progetto presente in Comune con lo stato di fatto. Tale operazione va affidata ad un tecnico qualificato, che provvedere a visionare l’edificio e, in caso di esito positivo, a rilasciare una dichiarazione di conformità urbanistica, corredata di un’apposita relazione tecnica.

Qualora, invece, l’esito dovesse risultare negativo – ovvero in presenza di variazioni rispetto al progetto originario, il venditore dovrà procedere con la regolarizzazione degli abusi.

Ricordiamo, comunque, che non tutte le irregolarità possono essere sanate. Per le piccole variazioni, ad esempio lievi ampliamenti o spostamenti dei muri tramezzi, è possibile richiedere una sanatoria. Al contrario, se l’immobile non è mai stato autorizzato o presenta gravi difformità, le cose si complicano e la compravendita potrebbe non essere consentita.

Cause di non regolarità del certificato di conformità urbanistica

Vi sono diverse cause di non regolarità del certificato di conformità urbanistica.

Nei casi più gravi, l’immobile è da considerarsi del tutto abusivo. Ciò accade quando non vi sono permessi a costruire, per cui non esiste alcun titolo edilizio. Per sanare la situazione, dunque, occorre attendere un condono edilizio o tentare la via della pratica in sanatoria.

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, le difformità riguardano lievi variazioni tra progetto e stato di fatto. Ciò capita, ad esempio, quando l’edificio è stato ampliato con la chiusura di un’area esterna o con la realizzazione di una veranda, oppure quando sono state aperte nuove porte e finestre o, ancora, con la fusione o divisione di una o più unità abitative.

Le modifiche possono riguardare anche aree interne dell’edificio, ad esempio nel caso di abbattimento o costruzione di muri tramezzi, realizzazione di nuovi bagni e via di seguito.

Differenza tra regolarità urbanistica e catastale

Un aspetto da tenere in considerazione riguarda la differenza tra conformità urbanistica e catastale. Infatti, talvolta capita che un edificio risulti conforme rispetto alla planimetria depositata in Catasto, ma non con le informazioni presenti in Comune: in altre parole, un immobile, seppure abusivo, può essere accatastato. Tuttavia, la dichiarazione di conformità catastale non ha alcuna valenza probatoria. Pertanto, prima di procedere con la compravendita o con i lavori di ristrutturazione, occorre verificare la regolarità urbanistica.

Quali sono i rischi in caso di mancata regolarità urbanistica

firma dichiarazione di conformità urbanisticaAcquistare un immobile sprovvisto di certificato di conformità urbanistica comporta non pochi problemi. L’atto di compravendita, infatti, può essere annullato solo in caso di totale abusività (ovvero, in mancanza di autorizzazioni a costruire), mentre le irregolarità minori ricadono, come responsabilità civile e penale, sul nuovo proprietario dell’immobile.

Questi potrebbe andare incontro a provvedimenti penali e/o sanzioni amministrative, oltre ad incontrare, in futuro, difficoltà nel rivendere l’edificio o nell’accedere a finanziamenti.

Ecco perché, quando si acquista un immobile, è bene rivolgersi ad un tecnico di fiducia o ad un’agenzia immobiliare qualificata. In quest’ultimo caso, il compito di eseguire le verifiche necessarie – tra cui quelle inerenti alla regolarità urbanistica – spetta agli agenti stessi che, in collaborazione con uno o più tecnici, sollevano il cliente da qualsiasi responsabilità.

img

@casaimmo

    Post correlati

    Home Staging e Agenzia Immobiliare: un binomio vincente!

    Se siete interessati a vendere la vostra abitazione (la volete vendere senza il contributo...

    Continua a leggere
    di @casaimmo

    La condizione sospensiva nella proposta di acquisto di un immobile, forma di tutela in un atto negoziale

    Condizione sospensiva e condizione risolutiva: dove trovano fondamento Spesso il venditore non...

    Continua a leggere
    di @casaimmo

    Presa in carico dell’immobile: come avviene, quali sono i suoi passaggi

    L’iter che porta alla compravendita di un immobile non è composto solo dalla fase di trattativa...

    Continua a leggere
    di @casaimmo